La piazza è mia, la piazza è mia! (Alfredo, vaffanculo)

11143227_10153704477248132_4723125141221044371_o

Proprio ieri la stagista bionda e hippie della scuola mi ha detto, esclamativa: “sei come il bambino di Nuovo Cinema Paradiso!”.
Vi siete impressionati? Io non molto, lì per lì: ho sempre empatizzato di più con Alfredo, anche quando in effetti avevo l’età di Totò. Anzi, soprattutto in quel periodo.

Nuovo Cinema Paradiso circolò in casa mia in un’edizione vhs piratata dal misterioso collega di mio padre denominato “quello delle cassette”, personaggio mitico e dall’ancor più mitica fama di duplicatore di film, al quale i figli dei dipendenti dell’azienda del gas di Palermo debbono la visione di svariati classici Disney e le loro mogli quella di Patrick Swayze all’apice della carriera.
Comunque, il film venne visto una domenica pomeriggio. Io e mia sorella venimmo allontanate dal luogo della proiezione durante la scena dell’incendio, che era ritenuta eccessivamente violenta.
Negli anni successivi ho consumato la cassetta pirata di quello delle cassette, letteralmente: adoravo quel film. Tra l’altro, quella copia era quella della primissima edizione: quella prima dell’oscar, quella con i 40 minuti più superflui della storia del cinema. Da adolescente provavo una intima vergogna per questa storia di Nuovo Cinema Paradiso, mi sarei sentita molto più a mio agio se avesse smesso di piacermi a un certo punto, ma purtroppo non accadde. Ancora oggi non è che proprio abbia fatto pace con questa passione: Tornatore è pur sempre lo stesso regista di Malena e di altre stronzate successive di sorprendente coefficiente di nullità. Ma soprattutto, è autore di tutta quella enorme parte del film che va ben oltre i sopracitati 40 minuti e che è altrettanto trascurabile. Insomma, i minuti veramente buoni di Nuovo Cinema Paradiso – tipo quelli dell’esame di licenza elementare – sono forse una trentina e io resto tutt’ora convinta che li abbia scritti il fratello talentuoso di Tornatore, quello rinchiuso nella cantina della casa come Johnny Freak.
Quel film mi piace perché non c’è alcun particolare talento ma un amore immenso. Che questo amore sia di Tornatore o di Johnny Freak, m’importa assai.

Ma poi, posso mai perdere tempo io a giustificarmi per Nuovo Cinema Paradiso quando c’è in giro gente che sostiene di avere un cervello e contemporaneamente sostiene che Dallas Buyers Club è un bel film e in tutto ciò nessuno fa irruzione in casa loro, li trascina fuori, li denuda e li cosparge di pece e piume?
Veramente?

Ieri la stagista ha commesso l’imperdonabile errore di chiedermi quale secondo me sia il migliore cinema di Bologna. Quale vuoi che sia? La piazza, dannazione. Anzi “santo diavolone!”, come direbbe Alfredo. Non riesco neanche a descriverla a parole agli studenti, la piazza quando c’è il cinema, senza che mi si rompa la voce. E allora lei ha esclamato quello di cui sopra.
Domani danno il restauro di Nuovo Cinema Paradiso in piazza maggiore, e io non potrò andare a vederlo perché non vivo più lì. E mi viene da piangere da quanto non è giusto.

Advertisements

14 thoughts on “La piazza è mia, la piazza è mia! (Alfredo, vaffanculo)

  1. è tutto nel “non vivo più lì”. il bello e il brutto. non vivo a bologna ma ci capito spesso per via dei figlioli. è una città che adoro e stiamo pensando di trasferirci lì, ma so che se ci vivessi vorrei scappare via e poi sarei mangiato dalla saudage
    se vivessi fuori dall’italia man mano dimenticherei tutte le schifezze (quelle 2 o 3) e mi struggirei per delle sciocchezze
    pensa quando torni a bologna e gli amici ti vedranno commuoverti per delle stronzate e penseranno che sei ammattita…

    • A Bologna si sta bene, io non sarei mai andata via e se dovessi tornare tornerei lì.

      L’unica cosa che può consolare il mio struggimento è che lega e cinque stelle diventino – insieme, naturlijk – il secondo partito. Cosa che accadrà e che darà finalmente un senso preciso a questa scelta che è dolorosissima e per niente cool.
      Io spero accada presto, perché sono rancorosa e triste.

  2. guarda, per come stanno andando le cose avrai delle grosse soddisfazioni, il brutto è che la tendenza a fare scelte politiche con parti del corpo diverse dalla testa, si sta diffondendo anche su al nord.
    qui dove sono io ci sono un bel po’ di turisti olandesi… cioè, si fanno tipo 1600 km in macchina per venire qui in vacanza… so’ strani, no?

    • So’ strani sì! Devono essere gli stessi – anzi, so per certo che lo sono – che pagano fior di quattrini per imparare le concordanze tra i tempi del congiuntivo.
      Siamo un popolo che fa schifo, ma è meglio che questa gente se ne renda conto il più tardi possibile.

  3. Ma sei snobbissima 😄😄😄😄
    Dallas… È un bel film! Cos’ha che non va? Non dico un capolavoro, ma bello! Nuovo cinema paradiso non l’ho mai visto e quando ho provato a vederlo l’ho dovuto togliere dopo tre minuti perché non tollero l’impressione di ‘vecchio’, e non di vecchio film, ma di ‘invecchiato male’; mi fa sentire come catapultata agli anni del VHS e dei pixel larghi e mi viene l’ansia. Ho bisogno di definizione. Però credo di capire la sensazione. Ho il mio personale nuovo cinema Paradiso ed è il nome della rosa. Non un capolavoro ma un film che mi piacque tanto anche per l’eccitabile età che avevo. E tutt’ora scrivo auguri a vario titolo intingendo un pennino nel succo di limone…

  4. Ma che snobbissima! 🙂
    No, D B C proprio non mi è piaciuto per niente, ma io ho veramente un problema con le biografie dei paladini di qualcosa che poi muoiono. Tranne ovviamente Silkwood (1983), ma quello l’ha scritto la mia adorata Nora Ephron e c’è Meryl Streep con un taglio di capelli che vorrei tantissimo saper portare anche io.
    Comunque N C P io lo difendo e te lo consiglio. Se il problema è il pixellone, lascia passare sei mesi e troverai in giro (e in rete, sono sicura) anche la versione restaurata quest’anno, che è quella che hanno presentato in piazza ieri.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s